IL DIARIO DI SERENA KEY - CAPITOLO 17

TI VOGLIO NUDA.


"La donna nuda è una donna armata"
(Victor Hugo)



Graz, 1 febbraio 2020
 

«Ti voglio nuda. Non mi interessa cosa indossi ma ti voglio nuda. Nuda di pensieri, nuda di istinti già scritti, nuda di gesti ripetuti. Nuda per essere pronta a una storia nuova.»

«Mi troverai nuda. Nuda come sempre. Nuda come sono, ad ogni ora di ogni giorno. Perché io mi spoglio, mi spoglio delle mani che mi hanno toccato, degli occhi che mi hanno guardato, delle parole che ho sentito. Io voglio solo quelle che tu chiami storie nuove.»

«Se è vero me ne accorgerò».




Serena Key   
In un luogo qualsiasi, tra terra e cielo. 
Risveglio mattutino  02/02/2020

 


Non c’è un corpo che possa vivere la passione come una mente nuda. Mi inebriava, l’idea che lui la desiderasse così tanto. Tanto come me.

Non ci sono copie all’altezza dell’originale. Per perfette che sembrino celano un difetto: essere una replica. 

Non ci sono avventure identiche, ognuna ha bisogno di nascere e morire una volta soltanto. 

Non c’è erotismo maggiore del pudore di una voglia libera e unica. Perché è questa la nudità, perché è questa l’arma: il coraggio e il desiderio di buttarsi a capofitto nella sorpresa.

L’ho aspettato con appetito, succhiando il dito con il mio broncio da bambina.
L’ho aspettato con pudore, sui miei vertiginosi tacchi da donna.
E quando è arrivato si è accorto. Si è accorto della libidine sbocciata lì per lì, come un fiore a primavera. Si è accorto della mia attenzione curiosa, come una viaggiatrice intrepida. Si è accorto della mia dolcezza aspra, come una ballerina durante una piroetta. 

L’attimo della sensualità travolgente. L’impulso che si infilava tra noi e ci spalmava addosso la smania aveva il sapore della nostra vera intimità. 

Lui era venuto. Era venuto per trovarmi nuda, per fondere la sua nudità alla mia, per vivere quello che non era mai stato e non sarà mai più.

Non era nella vorace sessualità la magia ma in quella intensità che ti sbatteva spalle al muro, ti sfondava l’anima, ti scuoteva i sensi uno a uno e tutti insieme. Un bordello di emozioni, la giostra in cui si sale eccitati per esserne turbati e divertiti.

Questo è il tempo che vale la pena celebrare, come un soffio soave di vento che sfiora i capezzoli e poi li consegna alle labbra del mondo.


 


==========================================
Data della richiesta: 08/02/2020 10:05:52
Titolo: IL DIARIO DI SERENA KEY - CAPITOLO 17
Commento:
Ti Voglio Nuda ....Sublime Visione
==========================================

contatti