Lo sguardo

"E c'è infine una quarta categoria, la più rara, quella di coloro che vivono sotto lo sguardo immaginario di persone assenti. Sono i sognatori." (Milan Kundera, L'insostenibile leggerezza dell'essere)

 
Tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci guardi. 
A seconda del tipo di sguardo sotto il quale vogliamo vivere, 
potremmo essere suddivisi in quattro categorie.
La prima categoria desidera lo sguardo di un numero infinito di occhi anonimi [...] La seconda categoria è composta da quelli che per vivere hanno bisogno dello sguardo di molti occhi a loro conosciuti [...] C'è poi la terza categoria, la categoria di quelli che hanno bisogno di essere davanti agli occhi della persona amata [...] E c'è infine una quarta categoria, la più rara, quella di coloro che vivono sotto lo sguardo immaginario di persone assenti. Sono i sognatori. 
Milan Kundera, "L'insostenibile leggerezza dell'essere"


Serena Key  .  Venezia 13/12/2019


Sguardi di brama, sguardi d’amore, sguardi d’intesa, sguardi di mistero. Possiamo averne voglia di uno o centomila. Possiamo privilegiarne uno o tutti. Possiamo avere un momento per ciascuno o tutti i momenti per uno solo. Possiamo coltivare il nostro spirito romantico, godere della seduzione, tenere a cuore l’eccitazione della fantasia. Ma ognuno di noi in qualche modo ripone bisogni, desideri e piacere in qualcuno che ci guarda.

Forse sono occhi di velluto o di fuoco. Forse ci raccontano affetto, ci trasmettono passione, ci spogliano e ci ammaliano. 
Oppure sono occhi che ci lasciano liberi di sognare qualsiasi cosa. Sono gli occhi immaginari, quelli delle storie che sogniamo, quelli delle voglie che accarezziamo. Sono i nostri pensieri, teneri o indecenti, che bussano alla luce o nel buio e ci trasportano chissà dove, in un’intimità che ci fa sorridere di gioia e piangere di commozione. Sono gli occhi di chi non c’è e vorremmo ci fosse, sono gli occhi di chi non esiste e noi creiamo come ci gradirebbe.

In ogni sguardo leggiamo o scriviamo un mondo. Un mondo di sensazioni, un mondo di emozioni. Gli occhi possono invitare, promettere, baciare, penetrare. Gli occhi possono essere schiavi o padroni, timidi o sfrontati. Gli occhi possono adularci o sculacciarci. 

Profondi, maliziosi, sublimi, sconci, gli sguardi sono le parole che non serve pronunciare. Si posano come carezze, si accomodano irriverenti, cercano una corrispondenza di sensi. Sono l’istinto che si palesa in volto. Brillante, famelico, soave, intrigante. Possono restarci appiccicati addosso per sempre, diventare un pensiero insistente. Possono volare via come farfalle in festa. Possono indugiare giusto il tempo di un languore. 

Io amo gli sguardi della sorpresa. Quelli che mi prendono nuda. Quelli che si fanno incandescenti. Io amo gli sguardi che ancora non so se verranno, quelli che mi fanno ribollire di attesa e di fermento. Quelli con i quali gioco nella solitudine, beandomi di averli, prima o poi, addosso.

Io amo gli occhi che sostengono i miei mentre i corpi eseguono i loro ordini silenziosi. Gli occhi che hanno soltanto il pudore di non rinunciare, di non rinunciare mai all’ebbra delizia dei loro impulsi.

Di sguardi riempio la vita. Come respiri. 
E mentre li raccolgo, estasiata o veemente, dono i miei. In un erotico scambio di occasioni, gli occhi sono lì, complici e sovrani. Serena Key, the Eye


 


==========================================
Data della richiesta: 28/12/2019 08:20:50
Titolo: Lo sguardo
Commento:
Cara Serena, lo sguardo è una cosa talmente potente da far in modo che lo stesso sguardo incuta nell'altro sensazioni diverse: ognuno gli attribuisce quello che vuole ovvero quello che vorrebbe che sia in quel momento. Questa bellissima foto per me sà di sguardo "magnetico" uno sguardo che attira e che dice: vieni. Sono qui per te ..... e per me. Ti aspetto: vieni. Se verrai: vedrai. Vedrai che verrai. Vedremo e verremo. Un gioco di visioni e di seduzioni. Occhi che catturano in un mondo di erotismo e di piacere. Un bacio. Giuseppe
==========================================
Data della richiesta: 28/12/2019 16:32:13
Titolo: Lo sguardo
Commento:
Spero di riuscire il prima possibile a incrociare il Tuo sguardo x capire cosa trasmetterą in quel momento...e vedere se Tu saprai capire il mio ...un abbraccio . Rosa
==========================================
Data della richiesta: 29/12/2019 14:18:31
Titolo: Lo sguardo
Commento:
Se già solo al telefono ascoltando la tua voce trasmetti un turbine potente di emozioni, figuriamoci dal vivo incrociare il tuo sguardo... Amaranto
==========================================
Data della richiesta: 31/12/2019 14:23:54
Titolo: Lo sguardo
Commento:
Le porte sono a volte come al cinema, quando si spengono le luci. Scorrono le immagini. Ed inizia il film. Era bastato suonare. Lei aveva aperto la porta. Era bellissima. Appena uscita da una favola. Il vestito ad accarezzarla, morbido, sui fianchi. Le gambe belle. Eleganti. Lui sorrise. Era un sorriso dal sapore che veniva da lontano. Sabbie e tramonti, spazi, aromi ed odori, nel vento. Lo aveva conservato per lei. Le sfiorò appena le labbra con un bacio. "Stai bene?" chiese. "Vieni dentro" rise lei. Era una risposta maledettamente seria. Ecco. Adesso potrei andare avanti a raccontare. Tradurre in parole i baci, le intese, gli sguardi. Labbra mai frenate, e mani che si cercano, e si trovano, avide di toccare, di incontrare. Comunicare. Scrivere. Di frasi e di caffè. Di un gioco sempre nuovo. Di un desiderio che sale prepotente, alle labbra, inebria ed irrora i pensieri, incrocia, si divincola, si lascia catturare, dolce. Potrei raccontare di una donna che legge, che scrive, che ha da raccontarsi. Che incanta. Che fa scorrere la sera, e ti ruba il giorno fin dal mattino. In una tenera magia. Potrei seguirla, mentre fa la spesa di immagini e profumi, nell'aria. O mentre insegue la sua vita e complice si fa raggiungere. Per un po'. Potrei ascoltare il calore della sua voce. Morbido. Potrei solo stare qui, ad immaginarla, ogni volta diversa, ogni volta sempre lei. Potrei pensare che mi raccontasse, com'è la sua giornata. Quando suona una sveglia. Se accende la radio mentre aspetta che nella moka salga il caffè. Ci sono notti che non accadono mai. (Alda Merini) Buon Anno Serena. Marco
==========================================
Data della richiesta: 05/01/2020 18:53:23
Titolo: Lo sguardo
Commento:
Gli occhi/sguardo alle volte dicono quello che le parole non dicono, ma bisogna avere quella sensibilità, tatto e intelligenza da riuscire a leggere lo sguardo/occhi.
==========================================

contatti