La favola

''In principio era la Favola. E vi sarà sempre'' (Paul Valéry)


''Agli uomini non è concesso d’essere del tutto felici,
ma possono pregare d’averne parte''

La cosa più bella, Saffo
 

 
La Favola è in me più di ogni altro pensiero, più di ogni altro istinto, più di ogni altra ragione. Non vivo tra le pagine di un libro ma sono in carne e ossa fata, gnomo, drago e principessa.
Gli incantesimi albergano in me perché io sia la poesia della realtà.


Vesto il tempo e spoglio i desideri. Corro nelle avventure e interpreto fantasie. Sono fatta per i sogni ad occhi aperti, quelli che li tocchi e sono veri. E allora accendo. Accendo le luci e sveglio i dormienti. Accendo le voglie e accontento i gusti.

Mi piacciono le libertà delle carezze. Quelle che curiose e coraggiose scompigliano i giorni e le ore. Abbraccio le gioie che bussano insistenti al regno delle meraviglie e portano in dono la loro anima ribelle.

Sono nell’aria, nell’acqua, nella terra, nel fuoco. Sono nei versi dell’amore, preda e cacciatrice. Sono in quelle notti in cui niente può salvarti fuori dalla Favola. Sono in quell’alcova in cui brami di essere re. Sono nei tormenti e nelle passioni che a me puoi confessare.

C’era una volta e ancora c’è, la Favola. Così bella che non arriva mai all’ultima pagina. Il lieto fine è nelle righe che non stanno in fila, che si baciano fino a togliersi il respiro. E io me la godo così, la mia storia da fata, gnomo, drago e principessa. Accolgo, lieve, la vita con quella sensuale e selvaggia dolcezza della mia eccitazione.




==========================================
Data della richiesta: 15/12/2018 13:09:27
Commento:
...e goditela fino in fondo, favola, magia o racconto che vuoi che sia. Fai dei tuoi attimi non un ticchettio del tempo che scorre ma battiti di ali per non avere confini e rimpianti. Tvb x@tore
==========================================
Data della richiesta: 17/12/2018 10:42:35
Commento:
Vorrei perdermi nei Tuoi piu nascosti reconditi meravigliosi insaziabili meandri ....sei Splendida ludos
==========================================

Data della richiesta: 22/12/2018 16:18:28 Commento: Ci sono favole da leggere. E favole da scrivere. O da vivere. Scarpette di cristallo poco adatte a scale fatte di corsa. Mele avvelenate. Bacchette magiche. Nani e principi. E sirene ed eroi. E spade nella roccia, cavalieri, e dame innamorate. Orchi e maghi fate e incantesimi e leggende. E cantori e menestrelli che racconteranno le gesta di re e di battaglie, di ferite, di navi e di pirati sul mare, di tramonti infuocati. Iniziano con c'era una volta e già i bambini sono tutti lì. Muti ed attenti. E una mamma racconta ed è già notte. Ora di sogni. Favole e sogni, cavalieri ed amori, e scudi ed Orlandi innamorati e re senza corona e rospi da baciare e decotti, infusi, pietre ed anelli magichi. Incantesimi. Formule magiche. Tutto lì e tutto insieme. Perché la favola è anche azione, fuga, pericolo, armature, e ferite, da sanare. È la donna che ti fa innamorare, è incrociare le spade, è lenzuola stropicciate, è vincere il torneo, è il premio infine, i suoi baci. E il tuo riposo. È cercare un attimo di felicità. Rubata forse. Nella favola. Tra le pagine, come dici tu, della fiaba, girate piano, accarezzate quasi. Ciao Serena. Auguri belli. Marco ==========================================

contatti