Due di picche

"Salutarsi è una pena così dolce che ti direi addio fino a domani" (William Shakespeare)

 
Possiamo darlo o riceverlo con stile ma il gran rifiuto resta sempre una lama infilata nella carne. Un due di picche ti scarica.
Oh certo, chiodo scaccia chiodo e prima o poi ce ne facciamo una ragione. La vita va avanti. Sempre. Eppure lasciare qualcuno a bocca asciutta o restare con l’acquolina in bocca fa male.

E quante volte la dolce pena shakespeariana di salutarsi gradiamo consumarla negli ultimi piaceri che ci sono cari?

Dirsi addio tra le lenzuola impregnate di sussulti per alcuni è uno strazio, per altri è un sollazzo. Magari perché si illude che la passione pesi più della decisione o forse perché ha solo voglia di godere fino alla fine.
E allora capita anche che il due di picche non sia una parentesi davvero chiusa. Resta in memoria quell’odore di letto sfatto bene, quel piacere tosto che altrove non trovi più, quella bocca vogliosa che non ha replicanti all’altezza. Resta nell’aria quella pulsione che ti divora la testa. Resta nell’anima un desiderio che non dà pace.

Se invece il due di picche è un no a priori? Non abbiamo ricordi che ci fanno smaniare ma abbiamo un mondo da immaginare. Chissà come sarebbe! Sì, a volte succede proprio che chi rifiuta solletica ancora di più l’appetito. Diventa un chiodo fisso, una conquista da portare a casa, un premio da vincere.


Del resto la partita è bella quando è giocata. Il due di picche devi darlo sul campo, se proprio ce la fai, se proprio l’altro non tira fuori l’asso nella manica e si pappa la vittoria in un boccone.

Che davvero non so. Non so cosa mi abbia ispirato questi pensieri sul due di picche. A me che ancora lo devo trovare, qualcuno che non si accomoda con gusto. Però mi stuzzica, mi stuzzica l’idea del corpo a corpo che consacra il campione…!



==========================================
Data della richiesta: 02/12/2018 22:46:37
Commento:
Attenta Key: un due di picche me lo hai rifilato l'ottobre scorso, potresti a tua volta riceverlo prossimamente. Scherzo dai! Quando sale il desiderio e la voglia di sesso è davvero difficile tirarsi indietro e v ci vuole tanto rispetto e maturità per sapersi contenere. Ma resta sempre quell'amaro in bocca per un'erezione che non trova sfogo, di tanta immaginazione che non si traduce in realtà. E allora o si passa la mano o si passa di mano.. x@tore
==========================================
Data della richiesta: 03/12/2018 00:49:00
Commento:
Salve, come posso diventare un escort... ?
==========================================
 

contatti