Orgia

" E’ la voglia di fottere che fa arrossire la gente, non il pudore " (Jean Baptiste de Boyer d’Argens)

 

 

 

-Quanti uomini e quante donne siamo?

-Io e te.

-Io e te più i mille che ci godono dentro. Sono tra le gambe di una sgualdrina e sto baciando una donna mentre le natiche si aprono a un ferro caldo. Il piacere, lo senti il piacere? Schizza ovunque, pulsa in testa, mi attorciglia lo stomaco. E’ un bordello carnale.

-E’ l’orgia dei pensieri. Liberi e famelici, come noi. Sono i desideri che bussano e le fantasie che aprono loro la porta. Sono i nostri corpi fradici di sesso e di virtù. 

-E’ la nostra pelle che vibra come un dannato arnese che fa bene la sua parte. E’ questo, dice che è questo? A me sembra un osceno paradiso di orgasmi. Io e te, siamo davvero solo io e te?

-Siamo quanti sappiamo essere quando il sesso si fa amante e padrone. 

-…quando il sesso si fa amante e padrone. Ecco, adesso capisco. Capisco cosa leggevo nei tuoi occhi molto prima di arrivare a vederli da vicino. Sei un capriccio della natura, una voglia vagante, una festa dei sensi.

-E tu? Sei una torcia eccitata. Forse non lo sapevi ma hai una bella anima porca.

-Grazie. Finalmente…mi hai spogliato di ogni freno. Si, una bella anima porca come la tua. Prendi tutto, dammi tutto.

 

 

contatti