DIARIO DI BORDO - parte terza

La grazia dei Fenicotteri Rosa. Viaggio nei brividi


 
"La lussuria è vizio naturale, al quale la natura incita ciascun animale, il quale di maschio e femmina si procrea" (Giovanni Boccaccio)
 
 

Sono i respiri di chi ha vissuto queste terre e questo mare. Sono la grazia dei fenicotteri rosa e l’eco di antiche civiltà. Sono i guizzi nell’acqua limpida. Sono i granelli bianchi di una spiaggia che incanta. Sono i miei sogni caldi.
Sono le luci e i colori di queste giornate, i brividi di bordo.
Il mio diario annota attrazioni, gioie, sospiri.
Come la mia pelle, baciata dal sole e abbracciata dal paesaggio.
Come la mia insaziabile ricerca. Ricerca di realtà, di nudità, di vita.
Nuoto come i pesci, ammalio come una sirena. Sono nella mia dimensione, sospesa in un tempo primitivo e volitivo. Sto bene, bagnata di emozioni.
Tutto mi entra dentro e sembra volermi possedere per sempre ...


 
Che strano, per sempre. Io che godo e già riparto per una nuova avventura qui accumulo attimi di estasi che fanno l’amore tra loro come in un patto di eterna unione.
Forse tutti i miei desideri qui si fanno più intensi. Forse sono l’eterna donna bambina che galoppa nei tumulti erotici. Forse questa libertà assoluta rinfranca il mio corpo e il mio spirito. Navigo, navigo nella mia essenza che è l’essenza della natura nella sua prorompente, misteriosa vitalità.
Lussuria. Lussuria pura. Come l’istinto animale.

Rio Lagartos, 5 maggio 2017

 

contatti