Memoria erotica

" Non esiste separazione definitiva finché esiste il ricordo. " (Isabel Allende)

 




Rimini, martedì 19 gennaio alle 13.45

Ad un amico caro. Tre squilli di telefono accarezzano la memoria.

 

Viviamo con tale intensità e trasporto l’attimo di piacere che ci pare non esserci altro tempo che il presente. In realtà immagazziniamo tutto in memoria con l’inconscia speranza che riaccada.

Avete presente come reagiscono la nostra mente e il nostro corpo quando rivivono la scintilla? Ecco, tutte le sensazioni e le emozioni ritrovano istintivamente la strada, tornano a pulsare nelle nostre vene. La memoria erotica più che un album del passato è quell’insieme di pulsioni che balzano fuori euforiche appena un bacio, uno sguardo, una pelle, un odore richiamano il godimento già provato. E, anzi, si muovono con ancora più vigore e scioltezza, pratiche dell’altro respiro e vogliose di risentirlo addosso.

Io la tengo cara, la memoria erotica. Mi piace però anche giocarci, sfidarla un po’, regalarle nuove pagine. Già, la stuzzico con la mia fantasia. Trovo sia l’equilibrio perfetto tra una calda e gradevole confidenza e una continua, appassionata ricerca.  L’eros è anche una straordinaria collezione di ricordi in evoluzione con tante diverse sfumature! 

contatti